Vi aspettiamo al Vintage Computer Festival Italia 2018!

Promuovere e divulgare la storia dell’informatica personale è l’obiettivo del Vintage Computer Festival Italia 2018, che si terrà a Roma il 28 e 29 aprile presso il Complesso Ex Cartiera Latina (via Appia Antica 42): un evento a ingresso gratuito che, oltre a presentare una grande esposizione di computer storici dalle origini agli anni ’90, offre importanti momenti di divulgazione, ospiti internazionali, grandi personaggi della storia del computer ed eventi speciali da non perdere.

RetroCampus, oltre ad avere una parte attiva nella realizzazione dell’evento, sarà presente nell’area espositiva con alcuni pezzi rari ed interessanti per la storia dell’informatica personale e del videogioco.

Organizzato dall’Associazione Culturale Vintage Computer Club Italia con la collaborazione di Magnetic Media Network Spa, Unidata Spa e media partnership Rai Scuola, questo festival è un appuntamento imperdibile per tutti coloro che amano il computer e le sue evoluzioni, dagli anni ’60 ad oggi: professionisti, studenti, appassionati, famiglie, collezionisti, giornalisti, curiosi e nativi digitali potranno vedere e toccare con mano i pezzi più importanti della storia del personal computer, per la maggior parte ancora funzionanti, e potranno rivivere quegli anni fantastici di scommesse e pionierismo.

 

L’associazione fa parte della Vintage Computer Federation, l’organizzazione non-profit nata negli Stati Uniti organizzatrice dei Vintage Computer Festival (VCF), gli eventi internazionali che, soprattutto negli USA, celebrano e tengono viva la storia del computer.

Programma 2018: ospiti e appuntamenti da non perdere

La sala conferenze, che conta 150 posti a sedere, ospiterà un ricco programma di interventi, testimonianze e momenti di discussione aperti a tutti. Il programma completo è disponibile qui 

Si parlerà di Olivetti con il celebre progettista italiano Gastone Garziera che interverrà raccontando la nascita dell’Olivetti Programma 101, considerato il primo computer personale della storia. E ancora, Sandro Graciotti, importante tecnico dell’azienda italiana, che racconterà la nascita dell’M24 e storie dell’informatica negli anni ‘80.

Ai lavori parteciperanno anche ospiti internazionali, come Lee Felsenstein: padre del Sol 20, il primo home computer della storia venduto pre-assemblato nel 1976, e progettista dell’Osborne One, il primo computer portatile della storia, nonché primo moderatore dell’Homebrew Computer Club, la fucina di geni frequentata dal 1975 anche da personaggi come Steve Jobs e Bill Gates.

Sabato 28 ci saranno due momenti di dialogo sul mondo digitale: in mattinata è prevista una tavola rotonda dedicata ai ragazzi della Generazione Z animata da Marco Marinacci, ex direttore di MCmicrocomputer, e Stefano del Furia, docente, speaker ed autore di libri di informatica.

Nel pomeriggio, invece, Rai Scuola ha invitato quattro protagonisti italiani della storia del personal computer: Gino Roncaglia, filosofo e storico autore del programma Rai Mediamente, Corrado Giustozzi, indimenticabile firma della rivista di riferimento MCmicrocomputer e ex direttore di Byte Italia, Doriano Guerrieri, sales e marketing manager di Apple Italia nei primi anni ’80, e Stefano Ferilli, responsabile della raccolta museale del Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Bari.

Alle 14 di domenica 29 verrà proiettato “The Commodore Wars” (http://www.8bitgeneration.com/the-movie/the-commodore-wars/), il film documentario che racconta l’avvincente nascita del personal computer, strumento che ha cambiato per sempre le nostre vite.

L’area espositiva

L’ampia area espositiva di 400 mq conta la presenza di diverse associazioni italiane che si occupano di recuperare, preservare e promuovere conoscenze e materiale informatico. I visitatori potranno vedere tutti i pezzi più importanti che hanno fatto la storia dell’informatica dal 1965 agli inizi del 1990, il 90% dei quali funzionante. Si parte dalla stessa Olivetti P101 del 1965, per arrivare all’Altair 8800 che diede inizio alla rivoluzione nel 1975 e all’IMSAI 8080 il famoso computer di War Games. Ci saranno inoltre le pietre miliari Apple 1 e Sol-20 per poi iniziare il percorso del Personal Computer con la “Trinity” del 1976 (Apple II, TRS 80 e Commodore PET 2001) che aprì il “mercato di massa”, per arrivare a computer storici come Osborne 1, IBM PC, Apple Lisa e Macintosh, Commodore Vic20 e 64, Sinclair Spectrum, Atari, Amstrad, i dimenticati MSX e tanti altri sconosciuti alla massa.

 

 

 

2 pensieri riguardo “Vi aspettiamo al Vintage Computer Festival Italia 2018!

  • 01/05/2018 in 17:26
    Permalink

    qui si parla di computer d’epoca ma non comprendo se i vecchi personal computer Casio PB-100 programmabile in linguaggio Basic ed i vecchi calcolatori portatili della HP programmabili con striscette magnetiche come HP 67 o simili sono considerati degni del vostro interesse.

    Risposta
    • 02/05/2018 in 00:12
      Permalink

      Certamente! Sono pezzi fondamentali della storia dell’informatica, come mai ha avuto timore che non fossero da noi considerati?

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.